Cari amici,

Vi comunico che Sabato 26 novembre presso la Sala Pirelli Corso Magenta

n.59 Milano organizzeremo l'incontro della rete-associaizione Patrioti d'Italia. E' molto importante incontrarci con un attegiamento libero, con lo spirito di coloro i quali appartengono ad una generazione che ha il dovere di diventare politicamente adulta, di prendere in mano le redini del paese con la consapevolezza che una fase importante per molti di noi, soprattutto per quelli che fino ad oggi si sono impegnati in politica, è sostanzialmente esaurita.

 

 

Se fino ad oggi potevamo comodamente invecchiare e sucessivamente avvicendare il vecchio di turno davanti a noi, prendendo poi in gestione il suo sistema, oggi invece bisogna pensare che va ricostruita una civiltà politica e socioeconomica in grado difronteggiare le difficoltà, ma soprattutto le opportunità e le sfide che questa crisi economica, valoriale e strutturale ci sta consegnando. Di fronte alle crisi solitamente le classi politiche ed imprenditoriali si sono sempre poste in avanguardia, trovando soluzioni, inventando nuovi sistemi guidando così la Nazione a superare le difficoltà, ristribuendo fin da subito le ricchezze. Oggi le due classi sopra citate hanno fallito perchè sono state retroguardia statica:" aspettano che il cielo risolva i problemi".

 

Premesso che l'aiuto del buon Dio non guasterebbe credo che per risolvere queste criticità sia necessario essere consapevoli che il '900 è finito ed ampiamente superato. Sono scadute diventando insostenibili le sue ritualità, la sua democrazia lenta ed indecisionista. I suoi apparati, le sue geografie, il modello socioeconomico, il suo welfare. Soprattutto è evidente che la moneta unica ha rappresentato tutte le sue contradizioni e difficoltà rischiando di portare, come probabilmente accadrà, l'immediata rivisitazione della sua stessa esistenza, Banca Centrale Europea compresa. E' evidente,serve un nuovo livello di decisioni: rapide, veloci e tempestive. La vera riforma delle istituzioni deve avere come obiettivo primario la velocità, di azione e di risposta. Oggi la politica è da sempre troppo in ritardo, deve invece avere la stessa velocità dei mercati.

La riforma delle democrazie sarà il primo punto di partenza per dare vita ad un nuovo livello decisionale capace di essere avanguardia e guidare la nostra civiltà ad una nuova sovranità. La Banca Centrale Europea, la moneta unica e i livelli democraticieuropei così come stati concepiti non riusciranno a sostituire l'antropologica ed universale concezione della politica. Non si sostituiranno al ruolo sovrano che la politica ha sempre esercitato.

Se non vogliamo essere spazzati via da nuove dittature dobbiamo rafforzare e rendere salda la nostra democrazia. Questo soprattutto perchè il numero dei poveri è aumentato, il benessere che ha caratterizzato il secondo novecento non esiste più. Difendere un sistema finito, involuto è da folli. Bisogna costruire una nuova società, fatta di poche e fondamentali regole e discipline.

L'Italia ed il Mediterraneo hanno nel loro DNA radici ed ingredienti che se riscoperti e riattivati possono dar vita ad una nuova " Primavera Europea". Per far questo è necessario spogliarsi di tutte le certezze che hanno abituato positivamente la nostra quotidianità. Se fino ad oggi abbiamo ragionato sul "Primum Vivere", ora è necessario dare più spazio al "Deinde Philosophare". Questo per poter tornare a fare il Primum Vivere in tempi rapidi e da protagonisti. In poche parole, ruoli elettivi ed amministrativi, che abbiamo ottenuto devono

essere concepiti ed usati per dare vita ad una nuova fase costituente. Per fare questo, se uno è diventato Consigliere Regionale per esempio, da oggi deve pensare di non esserlo più. Lo spirito con il quale ci dobbiamo approcciare è quello di quando eravamo ragazzini e che spinti da un forte sentimento ideale con continuità per alcuni e magari occasionalmente per altri partecipavamo a riunioni, manifestazioni oppure ci radunavamo in sedi per discutere qualle fosse la strada più giusta per cambiare il mondo. L'Italia e l'Europa hanno bisogno per essere salvate, ma soprattutto per dare vita ad una nuova civiltà in linea con la storia e le radici che ci precedono, di veri e propri PATRIOTI. Solo chi è disposto a donare, anche 5 minuti della propria quotidianità, può dare vita non ad un nuovo partito, ma ad una nuova classe dirigente capace di superare il novecento definitivamente, archiviare la "bastarda" e demagogica ideologia del 68' e guidare tutti i processi di modernizzazione del nostro Paese. Noi siamo la LOBBY degli ITALIANI. I nostri nemici sono chi fa interessi di parte, gli antiitaliani, e come ultimamente ha detto il nostro Presidente Giorgio Napolitano i partigiani.

 

Sabato 26 a Milano ci riuniamo per iniziare a declinare il DECALOGO dei PATRIOTI non solo per evidenziare una proposta politica modello "ricetta", o volantino del Liceo, ma per dare vita ad una ricerca permanete sulle necessità che devono avere immediatamente risposte. Ci riuniamo in oltre per strutturare la nostra rete a partire dai territori del centronord Italia, dobbiamo diventare Lobby a viso aperto, e la rete deve avere in ogni territorio questi elementi fondamentali: Politica, Impresa e Cultura. I direttivi della rete dei

Patrioti devono essere così composti soprattutto a livello Territorioale. Ci riuniamo per essere consapevoli che vanno superate vecchie divisioni figlie di una stagione congressuale giovanile, entusiasmante, frizzante, ma di un decennio fà. Ognuno può tranquillamente mantenere inalterate le prorprie appartenenze ed i prorpri riferimenti nazionali senza che questo però ci eviti di poter progettare assieme una nuova stagione politica. Volgarmente i

Democristiani sono una lobby che esercita sempre il suo potere, non perde mai occasione di farlo e quando deve decidere lo fa senza remore. La democristianità oggi è da superare perchè l'unica ricetta che propone e quella di stare ancorata al potere ed aspettare tempi migliori. Oggi quella classe dirigente non avrà più futuro perchè non esistono più gli elementi che ne hanno caratterizzato la loro affermazione. Le banche ed il sistema del credito vanno completamente rivisti e le istituzioni non hanno più le risosrse di prima per consentire di costruire clientele e apparati. Morale: essendo finita l'epoca del debito e quindi della politica che in regime di prosperità economica distribuiva in modo indisturbato, è finita anche la possibilità che la riafferamzione di queste lobby possa essere accettata. Sostanzialemnte dobbiamo dare vita alla nostra lobby con il chiaro intento di fondare non un partitino di destra ultraidentitario e marginale ma una classe dirigente che proviene dalla cultura di destra e che sappia nel nuovo soggetto politico, che inevitabilmente si verrà a costituire partendo appunto dall' evoluzione che il PdL avrà, essere al governo per consentire al nostro paese di avere finalmente una nuova cultura politica. Hanno governato in prima linea i democristiani, i socialisti, i comunisti, ma noi fino ad oggi siamo stati la stampella di questo o quell'altro alleato. TOCCA A NOI costruire una nuova destra di governo che sappia dare vita ad un grande partito degli Italiani, popolare sicuramente, meritocratico ma soprattutto con un'identità ben precisa che sappia dare una giusta e grandiosa idea a tutta l'Europa ed alla comunità internazionale che l'Italia non è quella che Benigni ha rappresentato al parlamento europeo.

 

Vittorio Pesato

Promotore Patrioti d'Italia

 

 

  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator
  • JoomlaWorks Simple Image Rotator

Posizione è...

Newsletter

Tieniti aggiornato con la nostra newsletter!







Tot. visite contenuti : 1551326
 24 visitatori online